--> -SALA CINEMATOGRAFICA - CINEMAGARIBALDI.COM - CORSO UMBERTO - TORTOLI' (NU) - TEL/FAX 0782-622088 .style1 {color: #FFFFFF}

LOCANDINA
Trama: 
Quo vado? è un film del 2016 diretto da Gennaro Nunziante. La storia è narrata dal protagonista Checco (Checco Zalone), che dopo essere stato catturato da una tribù di indigeni africani, deve raccontare al capo del villaggio la sua storia e il motivo per cui si trova lì, in modo da convincerlo a fargli proseguire il suo viaggio. Checco è un ragazzo pugliese che nella vita ha raggiunto gli obiettivi che si era prefissato da bambino: a quasi 40 anni vive infatti quella che ha sempre ritenuto essere la sua esistenza ideale. Servito e riverito a casa dei genitori, così da evitare la costosa indipendenza, è eternamente fidanzato con una ragazza che, tuttavia, non ha alcuna intenzione di sposare per non incorrere nelle responsabilità del matrimonio. Ma, soprattutto, ha realizzato il sogno che i suoi familiari gli hanno trasmesso fin da quando era piccolo: avere un posto fisso. Ma un giorno, quando il governo approva una riforma che decreta il taglio di parecchi dipendenti pubblici, la sua vita subisce un drastico cambiamento e molti lavoratori come Checco, vengono indotti a licenziarsi con una cospicua buona uscita. Queste cifre, però, non hanno alcuna presa di lui: Checco non rinuncerà mai al posto fisso, considerato sacro, e pur di mantenerlo accetta di essere trasferito. Per farlo dimettere, la spietata dottoressa Sironi (Sonia Bergamasco) lo spedisce in diverse località italiane a ricoprire i ruoli più improbabili e pericolosi, ma Checco resiste eroicamente a tutto. La Sironi esausta e infuriata, lo trasferisce al Polo Nord, in una base scientifica italiana col compito di difendere i ricercatori dall'attacco degli orsi polari. Proprio quando è sul punto di abbandonare il suo amato posto fisso, Checco conosce la ricercatrice Valeria (Eleonora Giovanardi) e s’innamora perdutamente di lei. Inizia così un’avventura fantastica nella quale Checco dovrà ambientarsi all'estrema civiltà tipica del nord, aprendo la sua piccola esistenza a orizzonti lontanissimi.